D U e

D U e
donne uomini e

§
Documentazione e formazione
sulle buone pratiche per (apprendere e) insegnare
la parità di genere
per insegnanti ed educatori

§
“Siate il cambiamento che volete vedere nel mondo” diceva il Mahatma.

Dunque ognuno deve assumere su di sé il compito di essere in prima persona, prima di volere qualcosa dagli altri.
Tanto più in ambito educativo dove l’esempio insegna più di qualunque spiegazione, sollecitazione, ammonimento.

Gli stereotipi di genere e i pregiudizi che allocano desideri, paure e traguardi differenti tra i sessi, germinano nell’immaginario molto prima dell’età considerata “sessuata” per definizione: l’adolescenza.

I bambini in età scolare fanno un’ampia esperienza della divisione di ruoli, della forza dei cliché identitari e di conseguenza iniziano a orientare i loro comportamenti in ogni ambito della loro vita. Questo accade in famiglia, a scuola e nel multiverso formato da tutti i device digitali di cui sono utilizzatori.
Insegnare il rispetto, l’attenzione e il piacere dell’incontro/scambio/crescita che la relazione con l’altro richiede e insieme offre, è quindi un obiettivo da porsi già con i bambini.
In particolare sulla prima e più profonda soglia di diversità su cui natura e cultura ci pongono, la differenza di genere.

Agli insegnanti spetta un compito fondamentale e insieme si offre una straordinaria opportunità, che possibile solo dove i pari fanno gruppo e possono costruire le loro identità e relazioni in un terreno di gioco libero dai tanti condizionamenti delle relazioni familiari.

Gli insegnanti possono contribuire, nel tempo lungo e ricco della vita scolastica, a mostrare l’evidenza di una diversità, quella tra donne e uomini, che crea la bellezza di un’unico insieme, l’umanità.

Insegnando la conoscenza prima del confronto, la collaborazione più che la competizione.

Portando alla luce con parole, gesti, giochi, quanta debole vigliaccheria si celi dietro ogni prepotenza – a iniziare da quella degli uomini sulle donne – e quanta forza si sprigioni invece in assenza di paura, generando rapporti liberi, autentici, risolti.

D U e è articolato in un lavoro preliminare di ricerca e documentazione, e successivamente nell’avvio un centro di documentazione e formazione sull’educazione alla parità di genere animato da una serie di workshop e da incontri con i pensatori più utili presenti oggi nel dialogo pedagogico.

Un lavoro che vivrà di una costante circolazione tra teoria e prassi, in cui gli insegnanti si metteranno in gioco in prima persona, avvalendosi di differenti linguaggi espressivi.
Primo tra tutti il teatro – intreccio di corpo, pensiero ed emozione – ma anche arti visive, scrittura, canto.


Questo progetto –  risultante di una collaborazione tra la cooperativa sociale Fosforo e la campagna “In-Difesa” di Terre des Hommes e ArtePassante, finalizzato alla sensibilizzazione sul tema della violenza che coinvolge bambine e ragazze ovunque nel mondo e anche in Italia – prende il via dal 2019 attraverso un’indagine preliminare finalizzata a raccogliere due dati importanti: da un lato l’esistenza di esperienze educative positive già esistenti e dall’altro l’attenzione degli insegnanti a questo tema formativo.

Noi consideriamo l’eliminazione di ogni disuguaglianza tra i sessi, una sfida che non si può eludere. Troppe ingiustizie e sofferenze sono ancora presenti nel nostro mondo legate a questo.
E speriamo, in questo, di poter raccogliere e far circolare le tante energie presenti in un luogo fondamentale per il progresso culturale di un paese quale è la scuola.

Per maggiori informazioni potete contattarci
al numero verde gratuito 800 628 168.

museo farfalla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.